h1

Informazione di Stato

settembre 19, 2007

Ho già scritto cosa penso del V-Day.

Prima di tutto condivido il pensiero espresso oggi dall’ex-presidente Ciampi: “la politica si deve fare soprattutto nell’alveo delle istituzioni”.

Sono dell’idea che la politica debba saper ascoltare le domande dei cittadini. Per qualche giorno è stato così. Molti, a destra e a sinistra, si sono sbracciati per dire la propria opinione sulla protesta, sui vuoti della politica da colmare e con quali proposte.

Invece è bastato poco per far sì che si ricominciasse con la solita retorica. Non c’è giorno in cui un politico non screditi l’iniziativa di Beppe Grillo. Iniziativa che è bene ricordarlo… è esclusivamente sintomo del malcontento che c’è oggi in Italia. Ed invece, ci si attacca alle battute di un comico.

Eppure… come non fare una battuta dopo che Prodi, lunedì sera a Porta a Porta, abbia detto “attendo proposte da Grillo”… senza accennare al fatto che lui stesso incontrò Beppe Grillo a Palazzo Chigi l’8 giugno 2006 (video) visionando il documento “le primarie dei cittadini“?

Qualunquista, moralista a pagamento, codardo. Sono gli attacchi di oggi al comico da parte di Fassino su La Stampa, di Clemente Mastella tramite il suo blog.

Persino Famiglia Cristiana prende la parola: «Grillo? Un comico sopravvalutato e per giunta volgare», anche se nelle sue parole e nelle sue azioni «risuonano delle stesse invettive di un anno, il 1977».

A questi si aggiunge, all’ora di pranzo, il direttore del Tg2 Mauro Mazza che, leggendo l’editoriale, ha dichiarato di temere i grilletti (ma i fans di Grillo si definiscono grillini)… e condivido il no comment di Beppe Grillo.

Non credo che questo sia il modo di dare risposte alle attese dei cittadini di questo paese. Un paese che è sempre più lontano dalla classe dirigente che lo dovrebbe governare. La politica deve dare risposte concrete, forti e persuasive.

Il libro “La Casta” ha venduto 1.000.000 di copie. Beppe Grillo in un pomeriggio ha raccolto più di 300.000 firme per una proposta di legge popolare contro una buona parte di coloro che oggi siedono in Parlamento. L’errore che fanno i media, i politici, coloro che tentano di trattare il fenomeno Grillo… è il credere che ciò sia una questione nata con il V-day o poco prima, che sia una questione da trattare con superficialità, con superiorità, senza rendersi conto che il blog di Beppe Grillo è dal 2005 che esiste, che è 10° nella classifica mondiale, ripreso dalle più grandi testate giornalistiche del pianeta… per i suoi conteuti, per le sue battaglie, la sua informazione. La rivista Time, nel 2005, ha inserito Grillo nella lista “Gli eroi europei del 2005“, incontra premi nobel, viene invitato a parlare al Parlamento Europeo…

Possibile infischiarsene? La classe politica abbia il coraggio di interrogarsi… o forse è troppo tardi e, come scrive oggi Giovanni Sartori sul Corriere, la terra trema sotto la casta?

vota:

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: