h1

Azione Cattolica, coraggio!

gennaio 28, 2008

Azione Cattolica Italiana 

Ieri sera, durante il consiglio diocesano dell’Azione Cattolica, lo sconforto era tangibile.

La situazione del paese, la caduta dell’amico Prodi, il resoconto di un Consiglio Nazionale a Genova preoccupante, l’ironia su Mastella, il timore di ciò che potrà avvenire e la speranza di un colpo di scena.

Poi torni a casa e scopri che la Fuci continua a sostenere il referendum, e che sul sito web dell’Azione Cattolica c’è un intervento di don Giuseppe Masiero, assistente nazionale del Settore Adulti di AC, che forse non  ti aspetti:

(…) Bisogna essere miopi a non riconoscere che il debito pubblico obiettivamente è diminuito, la lotta all’evasione fiscale ha raggiunto risultati brillanti e l’intesa con le componenti sociali positivamente conclusa, poteva avviare la ridistribuzione del reddito alle famiglie, seriamente preoccupate nell’arrivare a fine mese. L’ottica del bene comune viene così compromessa nell’interruzione dell’attività governativa. 

(…) Non è nostro compito entrare nei dettagli di un programma governativo, ma non si può non riconoscere la dignità, la competenza, la lealtà e la pazienza in una difficilissima navigazione politica del presidente del Consiglio Romano Prodi; non sempre si può o si deve vincere, ma un cristiano è chiamato ad attraversare il mare aperto, tra gli scogli del potere con una laicità esigente, animata interiormente dallo spirito evangelico. Vivere da “Cittadini degni del Vangelo”, amando la nostra comunità, ma desiderandola sempre più vicina, come ci ricorda il sindaco di Firenze Giorgio La Pira, “al cuore della povera gente”, può farci scoprire che è quanto siamo deboli, che diventiamo forti; infatti è attuale l’esortazione di S. Paolo: “Tutto io posso in colui che mi da forza”.

Chi ha diminuito il debito pubblico, non poteva ridurre la gravità preoccupante delle “strutture di peccato” che incombono come macigno nell’oggi della politica. La gratitudine è rara anche tra gli amici nell’arena politica più attenta alle prestazioni muscolari che alle argomentazioni convincenti.

E vai a dormire nella speranza che l’Azione Cattolica Italiana continui, nonostante questi tempi difficili, ad essere espressione dell’autonomia dei laici… fedeli nella Chiesa e cittadini di questo Paese.

vota:

Annunci

2 commenti

  1. ho postato lo stesso articolo presente sul sito ufficiale dell’AC… coraggio è la parola giusta per questa azione cattolica che si smarca dal pericoloso clericalismo che sta affossando la chiesa!
    Vai AC!
    sei presente il 4 maggio a Roma?


  2. il 4 maggio? di adunate in questi ultimi mesi ne ho già viste abbastanza. Chissà! Certo bisogna vedere quanto questo momento sia “condizionato” dalla Cei… l’incontro nazionale a Loreto, insegna!



Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: